Cinema

IL PRIMO RE

Matteo Rovere (regista di Veloce come il vento) torna alla grande per raccontare uno dei più grandi miti della nostra Storia: correva l’anno 753 a.C. e i fratelli Romolo e Remo fondano ROMA.
Protagonista l’ormai affermatissimo Alessandro Borghi.

MIA E IL LEONE BIANCO

Mia è una quattordicenne che vive in Sudafrica, affezionatissima a un cucciolo di leone bianco di nome Charlie. Un giorno il padre vuole vendere l'animale ai cacciatori di trofei: Mia decide così di scappare insieme a Charlie. Film girato nell’arco di 4 anni utilizzando un vero leone bianco e seguendo la reale crescita di Mia.

VICE   L'UOMO NELL'OMBRA

Potente e graffiante film biografico su una delle figure più potenti (e paradossalmente meno conosciute) degli Stati Uniti di inizio 2000: Dick Cheney, vice presidente di George W. Bush.
Monumentale la prova di Christian Bale.
Ottimi il cast e la regia di McKay (La Grande scommessa).

Il meglio del 71 festival di cannes   Miglior regia al Festival.

Bellissima storia d’amore irrisolta e irrealizzabile sullo sfondo della Guerra Fredda. Storia di confini e ideologie, romantica e dolorosa, delicata e feroce; film in 4:3 e in bianconero, conferma il grande Pawlikowski, premio Oscar con Ida.

Drammatico, Polonia; durata 1h 25’

SUMMER

Il meglio del 71 festival di cannes

Kirill Serebrennikov racconta gli esordi di Viktor Coj e dei Kino, la più importante rock band russa degli anni Ottanta. In bianco e nero, Summer racconta di una splendida e irripetibile stagione rock in Unione Sovietica e nel mondo.

Musicale/Biografico, Russia; durata 2h 05’

IN GUERRA

Il meglio del 71 festival di cannes  

Il sodalizio tra il regista Stéphane Brizé e l’attore Vincent Lindon continua per raccontare ancora una volta una storia di lotta proletaria, di battaglie e di rispetto per il lavoro. Nostalgico e, insieme, attualissimo, è un film manifesto che non stanca un solo minuto.

Drammatico, Francia; durata 1h 45’

GIRL

Il meglio del 71 festival di cannes   Miglior opera prima.

Lara ha 15 anni e sogna di diventare una ballerina. Lara vuole danzare come una ragazza, ma è nata maschio. Girl è un piccolo capolavoro pieno di pudore sul disagio di abitare un “corpo altro” e sui cambiamenti del corpo e dell’anima

Drammatico, Belgio; durata 1h 45’

Pagine